Greenpeace a Gaeta contro le trivellazioni in mare

Domenica 17 aprile 2016 gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per il referendum sulle trivelle. A richiamare l’attenzione sul referendum, a metà marzo Greenpeace aveva teso due striscioni sulla Montagna Spaccata di Gaeta.

Il referendum sulla trivellazioni, il primo nella storia di questo paese ad essere stato ottenuto dalle Regioni e non attraverso una raccolta di firme, si terrà domenica 17 aprile 2016. La domanda, posta da Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna e Veneto alla quale bisognerà rispondere è “Volete che, quando scadranno le concessioni, vengano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche se c’è ancora gas o petrolio?” In altre parole, viene chiesto se abrogare la parte di una legge che attualmente permette, a chi ha ottenuto concessioni per estrarre gas o petrolio da piattaforme offshore entro 12 miglia dalla costa, di poter rinnovare la concessione fino all’esaurimento del giacimento.

Senza entrare nel merito specifico, segnaliamo alcuni siti che crediamo possano essere utili per farsi un’idea propria prima del voto di domenica:

sociale.corriere.it
www.repubblica.it
www.espresso.repubblica.it
www.ilsole24ore.com
www.internazionale.it

Segnaliamo infine che a metà marzo un team di 10 climber di Greenpeace era entrato in azione su una delle più belle scogliere italiane per appendere degli striscioni per richiamare l’attenzione sul referendum. La scogliera scelta dagli attivisti: la famosa “Montagna Spaccata”, nei pressi di Gaeta.

REFERENDUM TRIVELLAZIONI spiegato in 2 minuti


Greenpeace in azione sulla Montagna Spaccata

Click Here: cheap pandora Rings

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *