Vallone di Arnas e le sue cascate di ghiaccio in Piemonte

Vallone Arnas: dieci cascate di ghiaccio nel “piemontese” presentate da Elio Bonfanti tra storia e attualità.

C’è una bella canzone di Lucio Dalla che dice “Esiste un posto nel mio cuore dove tira sempre il vento”. Bene, forse è proprio questo vento che mi rimanda ad un mattino del 1988 quando nella fresca brezza di una aurora invernale mi sentii sfiorare da un ombra che scomparve nel buio. Era la prima volta che decidevo di andare ad esplorare il Vallone di Arnas ed incredibilmente anche Giancarlo Grassi, proprio quel giorno e senza che ci fossimo preventivamente accordati, si trovò lì puntuale ad un appuntamento mai dato.

Così, molto per caso, nacque o meglio ri-nacque la storia delle cascate di questa valle. “Una valle un po’ negletta, poco frequentata dagli escursionisti e dimenticata dagli alpinisti, ricca di un fascino tutto particolare, direi ottocentesco dove la ricerca delle cascate di ghiaccio non è finita” come Giancarlo ebbe poi modo di dire per descrivere questo luogo severo e sperduto ma a nemmeno un’ora e mezza di auto da Torino.

Rinacque in quanto le esplorazioni della valle da parte del bravissimo quanto poco loquace Claudio Balagna (arrampicatore locale) erano incominciate già all’inizio degli anni ’80 e lo avevano visto impegnato nella salita di alcuni flussi molto interessanti, sia nella principale valle di Viù che nel secondario vallone di Arnas. Poi a queste prime salite, inspiegabilmente, quanto fortunatamente per noi, non fece seguire altre realizzazioni e così in quel mattino iniziammo a scrivere alcune nuove pagine della storia di questo luogo.

>

ITINERARIO DIFF. BELLEZZA Birthday Ice IV/5- Couloir di Carnevale III/4 Il Cero di Natale IV/5 L’altra faccia dell’amore IV/6 La dura faccia della realtà M/? La magia del Sogno II/4 Mantello di Madonna II/3+ 4 New age I/4+ Quinto elemento III/M8/5 The Commitment II/4+ Un giorno di ordinaria Follia – Satanik Pencil II/5

Click Here: Fjallraven Backpacks

E’ una storia che ha visto la sua conclusione solo nel 2005, con la salita delle ultime difficili cascate della bastionata della torre. Dopo la salita del “Cero di Natale” il rombo dei blocchi di ghiaccio che piombavano al suolo dalle colate adiacenti, insieme al lungo avvicinamento, mi avevano tenuto lontano da quei flussi maestosi per anni, anche se nel frattempo la salita del Couloir cascata “Birthday ice” non aveva fatto altro che farmi tornare la voglia di ritornarci. Si trattava di stabilire il “come”, il quando e soprattutto “con chi”. Sapevo che le difficoltà sarebbero state altissime, le chiamavamo “i mostri” quindi quest’ultima variabile era determinante per la riuscita.

Talvolta l’età, anche se non sempre, aguzza l’ingegno. Poi, quando una cosa deve (!) riuscire, la fortuna ci mette anche qualcosa di suo. Fu così che in un giorno di dicembre del 2005 in mezzo a due fuoriclasse (Ollivieri e Trombetta) mi trovai in cima a due delle ultime tre cascate da salire. Ne rimaneva ancora una altrettanto bella e forse un po’ meno difficile, ma dato che durante la settimana non potevo andarci la “suggerii” ad amici che non se lo fecero dire due volte e corsero a salirla completando l’opera.

Storia chiusa verrebbe quindi da dire, invece no ne restava ancora una piccola, facile e defilata posta un pochino più alto ed in un posto da cui si domina tutta la valle. E’ un angolo dove “tira sempre il vento” che ho voluto tenere per me e per la mia compagna. E dove ho potuto ricordare tutti gli amici che, da soli o insieme a me, hanno scritto le pagine del libro di questa meravigliosa valle.

Accesso generale
Raggiungere l’abitato di Usseglio in Val di Viù (circa 70 km da Torino) prima con la SP1 che parte da Venaria reale nei pressi di Torino. Giunti a Fubine prendere la SP 32 in direzione della località predetta. A Usseglio superare l’abitato sino a raggiungere sulla destra il ristorante albergo La Furnasa, a lato del quale parte la ripida strada che conduce nel vallone di Arnas. Questa strada è talvolta chiusa all’abitato di Castello, il che aumenta notevolmente i tempi di approccio alle cascate.

Bibliografia
Ghiaccio dell’Ovest di Giancarlo Grassi (esaurito).

Punti di appoggio
Albergo La Furnasa
10070 Usseglio (TO) – tel: 0123 83788 Ottima cucina e accoglienza famigliare tipica della famiglia Vulpot

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *